#mascherebt: le rivoluzione delle maschere con Biofficina Toscana

Ladies and Gentlemen! Ben ritrovati sul blog!

Tra le novitá presentate a questo SANA, alcune mi hanno rapito il cuore più di altre e tra queste ci sono le maschere di Biofficina Toscana, in tessuto e in argilla, quest’ultime perfette per il multimasking. Prima di spiegarvi le loro caratteristiche e le mie prime impressioni, vorrei condividere con voi le parole dell’azienda in merito alla scelta di portare queste particolari al SANA.


Perché avete scelto di presentare le maschere viso a questo SANA?


Era da un po’ che pensavamo alle maschere. La maschera in tessuto, e in particolare le maschere in argilla, le abbiamo volute presentare come qualcosa di particolare. Abbiamo cercato un modo per usare le nostre materie prime e sfruttare i nostri prodotti (come Rubiox, ad esempio) sui quali abbiamo iniziato a puntare ed inserirli all’interno delle maschere. Li abbiamo creati anche per una completezza nei confronti dei trattamenti viso.


Cos’é il multimasking

La nostra pelle non é tutta uguale e ha esigenze diverse: alcune zone saranno più secche, alcune tenderanno a produrre più quantitá di sebo e favorire le imperfezioni, altre saranno particolare grigie e spente per via dell’agenti atmosferici e dello smog. Il multimasking nasce per poter curare le esigenze della nostra pelle nel modo correttore, concentrando la maschera con i giusti principi attivi e funzioni solo nella zona interessata, aumentandone l’efficacia localizzata alle problematiche. 


Le combinazioni possibili possono essere tantissime e Biofficina Toscana ne ha studiate in particolare alcune con tre e due tipi di argilla: Equilibrio, Energia, Relax, Armonia e Luce.


#Mascherebt: tutte le referenze proposte

Credits: Biofficina Toscana


Per completare i trattamenti viso, Biofficina Toscana propone sei nuove maschere viso, tre maschere in argilla e tre maschere in tessuto.


Le maschere in argilla (4,95€ ) hanno principalmente funzione detossinante, ma a seconda della tipologia di argilla e dei principi attivi a cui sono assocciate, hanno una perfomance diversa perché indirizzate ad una problematica specifica. Sono contenute in flaconi con tappo apri e chiudi e contengono 30gr di prodotto. L’azienda consiglia di tenerle in posa per 15 minuti per poi risciacquarle.

Credits: Biofficina Toscana 

Abbiamo quindi:

  • Maschera all’argilla viola con funzione detox e lenitiva con mucillagini di malva bio, olio di girasole bio, squalano, principio attivo derivante da zuccheri ad azione idratante-lenitiva.
  • Maschera all’argilla nera con funzione detox e illuminate con il principio Rubiox derivato dai frutti rossi, olio di girasole bio, squalano, principio derivante da zuccheri ad azione idratante-lenitiva
  • Maschera all’argilla oro con funzione detox e purificante con elicrisio Bio, olio di girasole bio, squalano, principio derivante da zuccheri ad azione idratante-lenitiva


Le maschere in tessuto in cellulosa biodegradibile (5,80€), invece, hanno principalmente una funzione idratante abbinata a principi attivi che favoriscono diverse azioni in base alle richieste e specifiche della pelle. Rispetto ad altre maschere in commercio dello stesso tipo, non sono imbevute di siero ma di crema! L’azienda consiglia di tenerle in posa per 15 minuti e poi massaggiare il prodotto in eccesso sul viso.

Credits: Biofficina Toscana


Abbiamo quindi:

  • Maschera idratante lenitiva contenente mucillagini di malva bio,  oli bio di mandorle dolci e jojoba, olio di crusca di riso, acido ialuronico, bisabololo, pantenolo, amido di riso, allantoina, vitamina E
  • Maschera idratante illuminante contenete il principio attivo Rubiox, oli bio di mandorle dolci, jojoba, avocado; bioliquefatto da verbasco, acido ferulico, acido ialuronico, amido di riso, pantenolo, allantoina, vitamina E e C
  • Maschera idratante purificante con l’elicrisio Bio, oli bio di mandorle dolci e jojoba, olio di crusca di riso, estratto di alghe, acido ialuronico, pantenolo, amido di riso, allantoina, biotina, Vitamina E e C

Prime impressioni e considerazioni


Ho ricevuto da poter testare la maschera all’argilla detox purificante, la maschera argilla detox illuminante, la maschera in tessuto idratante purificante e la maschera in tessuto idratante lenitiva. Fin ora ho provato la maschera in tessuto purificante e le due argille, posso raccontarvi le mie impressioni sulle consistenze e sulla resa immediata sulla mia pelle.


Parto dalle maschere in argilla concentradomi sull’applicazione della maschera stessa, che risulta facile grazie ad un consistenza cremosa del prodotto che non risulta più troppo secco o troppo liquido. Dimenticate la fastidiosa sensazione di pelle che tira, con queste maschere non succede e nemmeno se sforate il tempo di posa di 5 minuti. La mia pelle ha subito giovato dalle applicazioni, soprattuto nelle zone in cui ho applicato la maschera illuminante. Se per i risultati a lungo termine é presto dare un giudizio completo, le prime impressioni rimagono ottime: pelle tonificata, levigata e dall’aspetto sano.


La maschera idratante purificante é stata una bella scoperta: la cellulosa imbevuta di crema aderisce perfettamente alla pelle, la grandezza della maschera in cellulosa non fa si che il prodotto si concentri in zone sgradite ( contorno occhi, labbra), la sensazione e i risultati sono promettenti. Dopo 20 minuti abbondanti di applicazione, ho ritrovato una pelle compatta, tonificata ma non eccessivamente lucida. Mi riservo di provarla come trattamento pre trucco invece che come coccola post stress da makeup intenso, per dare un opinione più ampia ma le prime impressioni sono davvero ottime!


Se volete conoscere di più su Biofficina Toscana, qui trovate la mia intervista all’azienda, mentre a questo tag trovate tutti i prodotti che ho provato del brand.


E voi, le avete giá provate la maschere di Biofficina Toscana?


A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *