Reading Time: 3 minutes

Se seguite il blog da un po’, orami conoscete il mio rapporto scostante e difficile con i miei capelli e questa estate ha raggiunto un nuovo livello: sono rimasta bionda per circa 3 mesi e volevo raccontarvi la mia esperienza emotiva e di piccoli accorgimenti haircare.


Perché emotiva? Perché è capitato spesso in questi anni da rossa che diventassi bionda per qualche settimana al mare, e ho sempre fatto di tutto per mitigare il tutto. Non volevo il biondo, non mi piacevo, era il mio incubo capelli peggiore, ma non per qualche pregiudizio o retaggio culturale, non mi sentivo me stessa.


Invece quest’anno ho pensato alla salute del mio capello, sensibilizzato dall’ultima decolorazione, che aveva bisogno di riprendersi e di essere curato con più attenzione senza la preoccupazione di far scolorire il rosso.

 
Ecco quindi le 3 cose che ho imparato nella mia (breve) vita da bionda!


Biondo quale? le tonalità del biondo e quale scegliere


Sembra una considerazione abbastanza idiota, ma capitemi, io sono abituata al rame e acquisto lo stesso da anni. Se proprio voglio giocare su un’altra tonalità, vado di mogano che è un colore completamente diverso e ne sono ben consapevole.

Quando si parla di biondo non è così semplice: ci sono varie sfumature e tonalità. E per rendere la vostra esperienza bionda migliore possibile, dovete scegliere la giusta tonalità di biondo. Io, abituata al rosso, ho scelto una tonalità calda come il biondo miele per non vedervi completamente stravolta. Ha funzionato in modo sorprendente, nonostante non mi sia affidata al parrucchiere ma abbia acquistato una tinta al supermercato. Io solitamente mi affido alle tinte di Garnier Olia, perché non contengono ammoniaca e riescono a dare al mio capello un colore pieno e luminoso. 

Il mantenimento: l’importanza dell’antigiallo


Pensavo che dopo il mantenimento del colore rosso, il biondo fosse una passeggiata…mi sbagliavo. Il peggiore nemico dei capelli biondi è il giallo paglierino ( che nessuno vuole sui propri capelli) che si presenta sul capello dopo qualche settimana, nel mio caso qualche mese, dall’ultima tinta. La soluzione per evitare questo fastidioso problema è trovare dei prodotti specifici che contengono al loro interno un pigmento violaceo che va a neutralizzare i riflessi troppo caldi del capello.


Essendomi accorta di questa particolarità troppo tardi sul mio capello, ho optato per dei trattamenti mono dose invece che dei flaconi interi. In qualsiasi caso, per mia scelta personale in base al mio tipo di capelli, non avrei scelto uno shampoo ma una maschera e un balsamo che rimangono più tempo sul capello e hanno la possibilità di agire più in profondità. Con i prodotti DM non mi sono trovata male, già dalla prima applicazione ho notato sensibili miglioramenti ma sono sicura che esistono referenze più performanti anche se a un prezzo più alto.

Mi sono stati consigliati i prodotti di r&Co e Kerastase ad esempio.


Il crespo è dietro l’angolo: cosa ho fatto per mantenere in ordine i miei capelli

Non ho mai avuto problemi di eccessivo crespo sui capelli, ma durante tutta la mia vita da bionda, il crespo è stato il mio peggiore nemico. Complice anche l’estate, un buon trattamento anti crespo non poteva mancare nella mia routine e non posso che consigliarvi il siero anticrespo di Biofficina Toscana, che rispetto a molti prodotti sul mercato è davvero adatto a tutti i tipi di capello.

Vita da bionda: Lo rifarei?


Dopo avervi raccontato tutti i dettagli più beauty, posso prendere due righe per raccontarvi le mie sensazioni riguardo a questa esperienza. Sono rimasta stupita, piacevolmente, dal mio tempo di resistenza: solitamente, quando a fine estate non c’era più niente da fare e i miei capelli viravano ad un biondo decolorato, non vedevo l’ora di riprendere in mano il mio rosso e invece è una sensazione capitata nell’ultima settimana. Con la carnagione leggermente più scura e dorata, mi sono trovata ancora più a mio agio con questa colorazione e con queste condizioni, lo rifarei. Per il semplice fatto, che io sono ramata nell’animo e non riesco ad abbandonare il mio colore nelle restanti stagioni.


E voi, con quale colore di capelli non riuscite proprio a vedervi?
A presto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *