Reading Time: 4 minutes

Sono tornata a parlarvi di prodotti capelli sul blog con una referenza che, per la prima volta, ho finito in due mesi! Ci sono stati tantissimi fattori che mi hanno portato a finire 200 ml di prodotto per capelli in due mesi e sono contenta di potervene parlare qui sul blog.


Il prodotto in questione è la maschera scrub -decotto di Biofficina Toscana, che io ho potuto testare questa estate mentre l’azienda effettuava le ultime modifiche e sono ancora grata per questa opportunità. Bando alle ciance e buona lettura!

Maschera scrub – decotto: Caratteristiche generali


La maschera scrub-decotto è contenuta in un pack a barattolo customizzato, realizzato sempre nel nuovo packaging eco-sostenibile in bio based. All’interno trovate 200 ml di prodotto con un PAO di 6 mesi al costo di 15,70€. Potete acquistarla sul sito ufficiale e presso i rivenditori autorizzati del brand.


Maschera scrub-decotto: Cosa Contiene


La maschera scrub decotto contiene degli attivi mirati ad ossigenare e promuovere il rinnovamento cellulare. L’azione scrutante è data dalla presenza delle perle di jojoba al suo interno, che danno un azione esfoliante efficace ma non aggressiva e soprattuto sono 100% bio-degradabili. Gli altri due ingredienti chiave sono il capelvenere bio toscano, una felce con proprietà purificanti e anticaduta, con un effetto lucidante sui capelli e l’argilla verde, che tutti conosciamo per le sue proprietà purificante, che ha funzione di assorbire gli eccessi di sebo e rimuovere l’inquinamento.


Inci: Aqua [Water], Solum fullonum [Fuller’s earth], Cetyl alcohol, Stearyl alcohol, Stearyl stearate, Dipalmitoylethyl hydroxyethylmonium methosulfate, Behenamidopropyl dimethylamine, Adiantum capillus veneris leaf extract*, Euphorbia cerifera cera [Euphorbia cerifera (Candelilla) wax], Jojoba esters, Glycerin, Helianthus annuus (Sun ower) seed oil, Tocopherol, Phenoxyethanol, Parfum [Fragrance], Propanediol, Phenethyl alcohol, Lactic acid, Undecyl alcohol, Linalool, Limonene, Hexyl cinnamaldehyde [Hexyl cinnamal], CI 77289 [Chromium hydroxide green].

Modi d’uso


Come vi ho detto in precedenza, ho avuto modo di testare il prodotto prima del lancio, senza però la componente delle perle di job al suo interno. Contribuiscono ad un effetto più scrubbante, ma sempre delicato, senza andare a rimuovere l’efficacia della componente argillosa. L’azienda consiglia vari modi di applicazione del prodotto, io ne ho provati un po’ in questi ultimi mesi e ve ne parlo nel dettaglio per farvi capire le differenze:


A capello asciutto: trovo che applicare la maschera a capelli asciutti sia ottimale per me quando voglio ottenere un trattamento volumizzante e detox da questa maschera. Mi prendo almeno un minuto per distrubuirla nel modo giusto sulla cute e massaggiare nel mentre la applico, per attivare da subito i granuli. In base al tempo di posa trovo che si possa beneficiare in modo diverso del prodotto: con 5 minuti è funzionale, se siete di corsa e volete comunque un effetto volumizzante ma eneficerete più dello scrub che della funzione del decotto, che ho trovato più presente con un tempo di posa maggiore come 10 o 15 minuti. Con tempi di posa più prolungati trovo ci sia bisogno meno accortezze per rimuovere i granuli, che vengono rimosso completamente con l’applicazione il massaggio dello shampoo


A capello bagnato: applicare la maschera a capello bagnato mi è utile per rimuovere impacchi più complessi e più difficili da togliere, e in base alla difficoltà e alla texture dell’impacco applicato prima decido il tempo di applicazione. Se non vado ad applicare nessuno shampoo dopo, presto ben attenzione al risciacquo, che non mi risulta così immediato ma con qualche minuto in più non trovo alcun residuo toccandomi i capelli durante l’asciugatura.


Ho utilizzato il prodotto anche due volte a settimana nei momenti in cui sapevo di aver bisogno di ossigenare maggiormente la mia cute e non ne ho risentito ne in prurito o forfora, ne in desquamazione, anzi con la complicità di un tempo di posa più lungo sono riuscita a far passare 4 giorni da un lavaggio all’altro senza ritrovarmi in condizioni disastrose!


Pro: Perché acquistare la maschera scrub- decotto di Biofficina Toscana?

  • Se avete la cute grassa e cercate uno scrub efficace ma non aggressivo
  • Se cercate un prodotto per detossinare la cute, sopratutto se abitate in città molto inquinate ( come me, del resto)


Contro: Perché non acquistare la maschera scrub-decotto di Biofficina Toscana?


L’azienda dice che il prodotto è adatto a tutti i tipi di capelli e anche mia mamma lo ha testato ( cute sensibile e capelli normali/secchi) e si è trovata molto bene. Non trovo motivazioni perché non dovreste comprarlo se non che la vostra cute è molto sensibile e non amate questa tipologia di prodotto.


Maschera scrub – decotto: cosa ne penso


La mia esperienza è stata positiva, nonostante le accortezze iniziali. Ho trovato che lo scrub decotto è una tipologia di prodotto adatta alla mia cute, non contenendo olii o sostanza nutriente riesco ad utilizzarla anche quando il capello ha bisogno di essere deterso con più cura senza alcun effetto collaterale, cosa che mi succedeva con tipologie simili di prodotto.


La presenza dell’argilla aiuta anche a sgrassare la cute e lo trovo un prodotto perfetto per le cuti grasse, ma la sua azione non è così forte da impedirmi di consigliarla anche alla cuti normali che desiderano un azione detox più marcata ( magari riducete la frequenza di applicazione, anche nel caso di cute sensibile). 

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *