Beauty and Prejudice: Intervista a Valentina di The Life of a Bee

Ladies and Gentlemen!

Tutti conoscerete Valentina, l’ospite di oggi, del blog The Life of a Bee: una ragazza preparata, professionale e sempre disponibile a dare consigli. Non é un fatto comune quando si hanno molti seguaci e molte cose da fare!

Valentina ha scelto di fare del blogging la sua professione, andando incontro a tutte le difficoltá che una decisione all’apparenza semplice — ma che semplice non é affatto— comporta. In più é una donna, e tra donne nella beauty community, spesso non ci sia aiuta affatto.

Nella nostra chiacchierata potrete leggere la sue opinioni riguardo al tema della bellezza, dei pregiudizi e della beauty community.

Ciao Valentina, parlaci di te: chi sei, cosa fai nella vita e perché hai aperto il tuo blog.

Ciao a tutti, grazie Ale per avermi invitata!

Sono Valentina, ho 34 anni e vivo a Rimini. Mi occupo da diversi anni di cosmesi naturale e biologica e di makeup a 360 gradi. Ho aperto il mio blog in un momento dfficile della mia vita, in cui sentivo il bisogno di dedicare del tempo a me stessa e a ciò che amavo, di dare vita ad uno spazio tutto mio all’interno del quale potermi esprimere e coltivare la mia passione più grande, la cosmesi. Ho deciso di iniziare questa avventura anche perchè desideravo poter condividere le mie esperienze con altre ragazze, sentirmi utile e dimostrare come con la cosmesi naturale fosse possibile ottenere risultati tangibili e migliorare la qualità e il benessere della propria pelle. Quello che era nato come una piccola “isola felice” è cresciuto nel tempo, trasformandosi al giorno d’oggi in un’attività che mi occupa a tempo pieno a livello professionale.

Come nasce la tua passione per il makeup e la cosmesi? Cosa rappresenta per te?

Ho sempre amato il makeup e il suo potere di valorizzare un volto esaltandone i lineamenti, ma anche il suo potere di spingere ciascuno di noi ad uscire dalla propria “comfort zone” ed osare, sperimentando colori e stili sempre differenti. Oltre che una passione, il makeup è stato fin da giovane anche una necessità. Soffrivo di problemi dermatologici e ogni giorno dovevo ricorrere al trucco per mascherare acne, discromie e occhiaie marcate (che sono genetiche e che mi accompagnano fin dalla tenera età, con le quali ho imparato negli anni a convivere). I problemi di pelle sono stati anche l’occasione per avvicinarmi alla cosmesi naturale, dal momento che con i prodotti tradizionali non avevo ottenuto grandi risultati.

L’utilizzo di prodotti ecobio ha migliorato moltissimo lo stato di salute della mia pelle e da allora è diventato una costante della mia skincare routine.

Cosa significa per te essere una beauty blogger?

Mi piace potermi definire, piuttosto, una beauty expert e una beauty reporter.

Ho degli studi in materia alle spalle e mi piace essere sempre aggiornata sulle ultime novità in ambito cosmetico, pertanto preferisco “pensarmi” sotto queste vesti! Nel mio piccolo cerco ogni giorno di offrire contenuti di qualità, articoli che possano fornire informazioni utili per chi mi legge. Mi piace pensare che un lettore arrivi al termine di una review pensando di aver imparato qualcosa di nuovo. Per questo sul mio blog, quando recensisco un prodotto, non manca mai una analisi commentata dell’Inci e approfondimenti su ingredienti o tematiche specifiche. Desidero che anche un lettore inesperto possa iniziare a poco a poco ad acquisire dimestichezza con i vari componenti. Così come all’epoca fu per me! Vorrei aiutare i lettori ad appassionarsi al mondo della cosmesi, acquisendo anche una consapevolezza di un certo tipo in fase di acquisto. Perchè possiamo leggere tutte le recensioni che vogliamo, ma la soddisfazione di acquistare un prodotto da soli, dopo aver letto e valutato l’Inci sul momento, non ha prezzo!

Cosa avresti voluto sapere prima di aprire il blog?

Mi piacciono le sfide e, come ti accennavo all’inizio, aprire il blog anni fa per me è stata una sfida, sopratutto con me stessa. Quindi sono contenta di aver iniziato questa avventura sperimentando e imparando a migliorare giorno dopo giorno, senza seguire regole o consigli particolari. Tuttora è un’esperienza in divenire, che si evolve giorno dopo giorno!

All’interno di Beauty and Prejudice, evidenziamo tutti quei pregiudizi legati al mondo della bellezza, quelli che ci infastidiscono e spesso, quelli che ci feriscono di più. Quale pregiudizio/frase fatta ti infastidisce e/o ti ferisce di più?

Putroppo il mondo del beauty ha dovuto combattere da sempre contro il pregiudizio più grande: quello in base al quale il makeup e la cosmetica sono argomenti frivoli e di poco conto. Curare il proprio aspetto viene concepito da molte (troppe) persone solo come un vezzo. Quando in realtà il makeup è una forma di espressione della propria personalità tanto quanto il vestiario. Un bel trucco e una skincare adatta alla nostra pelle sono strumenti che ci aiutano a sentirci a nostro agio e a valorizzarci, quindi rivestono un ruolo importante nella vita di tutti i giorni. In generale non stimo le persone che amano giudicare gli altri per le proprie passioni o per come sono vestite/truccate semplicemente perchè questi aspetti risultano differenti dai propri gusti.

Come si combattono i pregiudizi?

I pregiudizi vanno affrontati. Sempre. Penso che il modo migliore per combatterli sia parlarne apertamente, ma sopratutto contrastarli con i fatti, continuando a comportarsi in modo coerente con il proprio essere e andando fieri delle proprie passioni.

Nella beauty community, il posto in cui tutte dovremmo sentirci più al sicuro e capite, spesso ci sono comportamenti completamente opposti. Quale atteggiamento/diceria/frase ti infastidisce di più da parte delle tue colleghe?

L’aspetto che mi amareggia di più del mondo del beauty è la mancanza di supporto e stima reciproca tra colleghe.

Noto troppo spesso invidie, gelosie, comportamenti volti a screditare (in modo più o meno lecito) potenziali “competitor”. Già solo pensare a questa cosa mi fa sorridere… non dovrebbero esistere affatto avversari in questo settore!

Il mondo del beauty è grande e molto vario, c’è spazio per tutte/i e ciascuno di noi ha delle caratteristiche e dei pregi che lo rendono unico e degno di essere apprezzato. Mi rattrista molto anche la mancanza di empatia nei confronti di chi si sta affacciando da poco in questo mondo. Tutti noi siamo stati giovani e inesperti, siamo andati in cerca di consigli o semplicemente di una parola di conforto o di incoraggiamento. Per quanto mi riguarda cerco sempre di supportare i profili o i blog appena nati o semplicemente meno “affermati”, se mi viene chiesto un consiglio in privato rispondo sempre volentieri e soprattutto se un’azienda con la quale sto lavorando mi chiede di suggerirle colleghe/i che reputo validi lo faccio più che volentieri e non fingo (come spesso succede) di non conoscere nessuno per paura che qualcuno possa fare un lavoro migliore del mio. Sono la prima a gioire dei successi altrui, se ottenuti con impegno e competenza. Se invece di sprecare energie giudicando il lavoro altrui imparassimo ad impiegarle per migliorarci e creare una community forte e più unita tutto il settore ne gioverebbe, ne sono sicura!

Qual’é il difetto maggiore dell’industria cosmetica ad oggi, secondo te?

La mancanza di originalità e la poca voglia di investire nella ricerca cosmetica. Sul fronte del makeup negli ultimi anni si sta assistendo a scelte commerciali, a mio parere, molto “di comodo”, che non esaltano nè stimolano la creatività.

Ciclicamente vengono proposti sempre gli stessi abbinamenti cromatici, pochi brand osano lanciare prodotti dalle tonalità o dalle texture originiali. Per quanto riguarda la cosmesi vale altrettanto, in media vengono lanciate sul mercato tipologie di prodotto tutte molto simili tra loro e le formulazioni sono caratterizzate spesso dagli stessi principi attivi. Per questo negli ultimi mesi sto apprezzando particolarmente diverse aziende (italiane, per giunta) che hanno avuto il coraggio di sperimentare tecnologie innovative e ingredienti particolari, nel tentativo di portare una  ventata di novità e alzare il livello qualitativo dei prodotti. Mi auguro che in futuro questi casi siano sempre più numerosi!

Progetti, sogni e aspirazioni per questo 2018.

Posso ritenermi fortunata, perchè il 2018 mi ha già regalato tanto. Quest’anno sono stata nominata blogger ufficiale del Sana di Bologna, un traguardo importante e un bellissimo riconoscimento della qualità del mio lavoro, che ho cercato sempre di portare avanti con impegno e sacrificio. Ovviamente nei miei sogni futuri c’è il progetto di crescere ancora professionalmente, di migliorarmi sempre e di poter contribuire allo sviluppo del settore green con passione.

Ringrazio ancora Valentina per la sua disponibilitá e per il suo contributo a questo progetto. Vi invito a seguirla sui suoi canali social:

Facebook

Instagram

Blog

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *