Beauty and Prejudice: Intervista a Cristina de Il Blog di C

0 Condivisioni

L’ospite di questa intervista è una mia cara amica blogger, compagna di fiere e di avventura: Cristina de Il Blog di C. Ha aperto il suo spazio sul web molti anni fa e volevo lasciare che vi raccontasse la sua esperienza durante questi anni riguardo makeup, blogging e pregiudizi.

Ciao Cristina, parlaci di te: chi sei, cosa fai nella vita e perché hai aperto i tuoi social e il tuo blog.

Ciao Ale e grazie per avermi ospitato sul tuo blog. Mi presento, sono Cristina, ho 26 anni e sono di Roma. Sono laureata in Scienze della Traduzione ma ultimamente sono entrata nel mondo della consulenza informatica.

Ho aperto il blog e i miei social nel 2014 perché sono sempre stata una persona desiderosa di condividere i miei pensieri con gli altri attraverso la scrittura e la fotografia. Infatti, non era la prima volta che mi lanciavo in un’esperienza del genere: durante il liceo ho aperto una pagina su Facebook in cui condividevo frasi di canzoni, citazioni di opere letterarie, poesie, pensieri e frasi scritte da me ecc. 

Il mio blog nasce per unire le mie passioni più grandi: scrittura, arte e fotografia.

Come nasce la tua passione per il make-up e la cosmesi? Cosa rappresentano per te?

Il mio amore per il make-up nasce dal fatto che sono una grande appassionata di pittura e di disegno. Fin da piccola adoro disegnare e dipingere e vedo il make-up come un modo per esprimere i nostri sentimenti. Entravo nei negozi di trucchi solamente perché ero attratta dalla disposizione dei prodotti in ordine graduale di colore! Prendermi cura di me stessa mi rilassa e mi fa stare bene: truccarmi è come se stessi colorando, l’unica differenza è che la tela è la pelle.

Cosa significa per te essere una beauty blogger?

Essere una beauty blogger a dispetto di quanto molti pensano è un impegno continuo. Bisogna essere sempre aggiornati su tutto, scovare nuovi prodotti, curare il blog e i social, preparare contenuti con regolarità. Una beauty blogger deve essere onesta e non dimenticare che per contenuti di una certa qualità deve investire molto del suo tempo. I risultati non arrivano con uno schiocco di dita ma con studio e impegno.

Essere beauty blogger significa anche essere un punto di riferimento per le persone, informarle e aiutarle.

Ti sei avventurata nel mondo dei social e del blogging tempo fa e durante gli anni, il mondo beauty e la beauty community è cambiata tantissimo. Quali sono gli aspetti positivi e quelli negativi di questa evoluzione? Cosa trovi che sia sempre rimasto uguale?

Hai ragione, il mondo beauty è cambiato davvero molto: se da un lato sta diventando sempre più inclusivo e più rispettoso dell’ambiente, dall’altro le aziende hanno perso l’originalità che le caratterizzava. Inoltre, si dà sempre più importanza al marketing causando la nascita di migliaia di profili social mossi dalla sola voglia di ‘ricevere prodotti gratis’.

Cosa è rimasto uguale? La condivisione e il sentirsi parte di una grande famiglia, il benessere e la passione che lega più persone ma purtroppo anche il fatto che qualsiasi cosa farai ci sarà sempre qualcuno che avrà qualcosa di ridire.

Completa la frase “Sono contenta di aver scoperto il mondo della cosmesi perché…”

Perché prendermi cura di me stessa mi fa stare bene e farlo con consapevolezza, ancora di più.

e “Sono contenta di aver aperto un mio spazio online perché…”

Perché mi ha regalato diverse soddisfazioni personali, ha arricchito le mie conoscenze e mi permette ogni giorno di superare poco alla volta i limiti che mi impongo.

All’interno di B&P, evidenziamo tutti quei pregiudizi legati al mondo della bellezza, quelli che ci infastidiscono e spesso, quelli che ci feriscono di più. Quale pregiudizio/frase fatta ti infastidisce e/o ti ferisce di più?

Purtroppo il mondo della bellezza è pieno di pregiudizi perché c’è molta invidia e cattiveria gratuita. Il pregiudizio che più mi infastidisce è il collegare il mondo della bellezza all’essere frivolo, stupido. E’ un’associazione che non ho mai sopportato ma che purtroppo continua a vivere. 

Qual è il peggior difetto dell’industria cosmetica?

Credo che negli ultimi anni si stia perdendo di vista l’autenticità e che le aziende siano intrappolate in una gara costante a chi lancia più prodotti. Non si pensa più di proporre e lanciare sul mercato qualcosa in cui l’azienda crede ma qualcosa che può vendere e può attrarre nuovi clienti. Secondo me dovrebbero trovare il giusto compromesso tra le due cose!

Progetti, sogni e aspirazioni per questo 2020.

Questo 2020 purtroppo non è iniziato molto bene ma sono fiduciosa. Da me stessa mi aspetto più sicurezza nell’affrontare le cose della vita quotidiana e una gestione migliore dei contenuti per il web. Voglio migliorare, essere più presente e magari fare anche qualche video per Instagram.

Ringrazio Cristina per per essersi prestata alle mie domande e per il contributo dato alla rubrica. Vi invito a seguirla ovunque, per rimanere aggiornati su tutto ciò che fa!

Blog

Instagram

A presto!

0 Condivisioni

You may also like...

1 Comment

  1. Ti ringrazio Ale per avermi dato la possibilità di riflettere su tanti aspetti ed aprirmi di più rispetto a quello a cui sono abituata! Un bacio <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *