Beauty and Prejudice: Intervista a Ilaria di The Glow Tale

0 Condivisioni

Vi ho già parlato dell’ospite di Beauty and Prejudice in questo articolo, ma sono contenta che possiate leggere e conoscere la sua opinione sul mondo Beauty, dei social e i pregiudizi connessi. Ilaria, con il suo profilo The Glow Tale, parla spesso di questi argomenti e si mostra senza filtri e senza sforzi, regalandoci recensioni di skincare e approfondimenti davvero interessanti.

Se volete scoprire il suo punto di vista su queste tematiche, continuate a leggere!

Ciao Ilaria, parlaci di te: chi sei, cosa fai nella vita e perché hai deciso di aprire il tuo profilo Instagram The Glow Tale.

Sono Ilaria, ho 27 anni e sono una studentessa/ lavoratrice part time. Nella vita studio cinese e comunicazione interculturale ed è stato grazie ai miei studi che ho approfondito l’Asia dopo averne conosciuto uno scorcio dopo tre anni all’estero. Ho aperto Instagram per creare una community che avesse davvero la mia stessa passione, perché gli amici e i parenti hanno una conoscenza limitata della cosa e molte volte preferisco non approfondire, proprio perché ritengono che siano frivolezze. 

Come nasce la tua passione per il makeup e la cosmesi? Cosa rappresentano per te?

La passione per la skincare nasce a Londra nel 2012, avevo 19 anni e solo un bagaglio a mano in una grandissima città piena di stimoli dove il beauty era già una tendenza e c’erano già tantissime proposte sul mercato: io in primis ho trovato difficile capire da zero cosa potessero fare al caso mio, quindi dopo anni di tentativi ho deciso di condividere queste piccole cose con altri che magari si sentono confusi come mi sono sentita io all’epoca.

Il tuo primo ricordo cosmetico.

Banchi infiniti di creme da Boots.


Completa la frase” Sono contenta di aver scoperto il mondo della cosmesi perchè…”

Perché adesso mi sento bene con me stessa anche senza trucco e la mia autostima è migliorata giorno per giorno. Benefici piccoli sia mentali che fisici.


e “Sono contenta di aver aperto il mio spazio online perchè…”

perché non avrei mai immaginato di avere tutto questo riscontro in così poco tempo e conoscere così tante persone che hanno riposto fiducia nei miei consigli. Ancora non ci credo e sono felicissima. 

All’interno di Beauty and Prejudice, evidenziamo tutti quei pregiudizi legati al mondo della bellezza, quelli che ci infastidiscono e spesso, quelli che ci feriscono di più. Quale pregiudizio/frase fatta ti infastidisce e/o ti ferisce di più?

I pregiudizi peggiori sono quelli di considerare una persona priva e vuota di contenuti intellettuali solo perché appassionata di cosmetica.

Come si combattono i pregiudizi?

I pregiudizi si combattono, nel mio caso, mostrando davvero i frutti del proprio lavoro. Le persone lo capiranno da sè. Provato sulla mia stessa pelle.

Qual è il peggior diffetto dell’industria cosmetica secondo te?E del mondo social?

Il peggior difetto dell’industria cosmetica è probabilmente ancora aggrapparsi ad un tipo di marketing dove il consumatore deve per forza sentirsi in difetto per comprare qualcosa. Una strategia che non condivido. L’ autostima non è un mezzo per avere un tornaconto economico. 

Del mondo social probabilmente il fatto che molti non comprendano il lavoro che c’è dietro ogni contenuto e che diano molto per scontato plus la poca solidarietà che a volte ho riscontrato da parte di pochi (per fortuna) ma grandi.


Progetti, sogni e aspirazioni per questo 2020.

Non faccio progetti per il futuro, non è da me. Mi piace pensare al presente. Il futuro mi angoscia un po’.

Ringrazio ancora Ilaria per la sua disponibilità e vi invito a seguirla sul suo profilo Instagram.

A presto!

0 Condivisioni

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *