Cosmesi fai da te: quando non fa bene sperimentare

0 Condivisioni

Vi ho già parlato delle cose che le influencer dicono e che voi non dovete ascoltare, ma credo che sia giunto il momento di approfondire ancora l’argomento, questa volta nei confronti della cosmesi fai da te. E’ facile pensare di poter fare da soli, quando si è in una situazione economica difficile, quando si è in vacanza senza poter acquistare dei prodotti di cui ci fidiamo ed è ancora più facile incorrere in disastri clamorosi, che tendono a rovinare la nostra pelle.

Se non siete brave spignettatrici – e in alcuni casi, non basta nemmeno quello – non dovete tentare il fai da te con i prodotti che vi elencherò qui.

Struccante: vietato usare l’olio di cocco ( e tutti gli altri olii)

L’abbiamo sentita tutti almeno una volta questa, consapevoli anche dei mille usi dell’olio di cocco che tanto andavano di moda negli scorsi anni, ma è assolutamente scorretta. L’olio di cocco e in generale gli olii alimentari, non sono dermocompatibili e adatti ad essere usati puri sulla nostra pelle. Un struccante, anche oleoso, ha bisogno di un emulsione di acqua e olio e una parte, se pur piccola di tensioattivi, per poter rimuovere efficaciamente il trucco rispettando la nostra pelle. Nello specifico, l’olio di cocco è ricco di acidi grassi che potrebbero essere troppo ricchi per zone delicate come i nostri occhi e la zona perioculare e il movimento sbagliato di massaggio nell’utilizzo del prodotto, porterebbe alla formazione di rughe in modo più precoce o semplicemente di grani di miglio.


Non tutte le pelli possono sopportare inoltre ingredienti puri così ricchi, per questo è meglio lasciare l’olio di cocco agli usi casalinghi e nelle preparazioni di haircare e comprare un buon bifasico o un struccante a base oleosa.

Lo scrub fai da te è solo per il corpo: niente zucchero, sale o caffè sul tuo viso

Sono una persona molto aperta agli scrub fai da te, sia per labbra che per corpo, ma non posso sopportare chi consiglia scrub viso senza remore. Il viso è una parte troppo delicata per poter applicare senza cognizione di causa delle particelle esfolianti troppo grosse, che possono creare delle microlesioni. Piuttosto, potete optare per farine sottili come riso o avena, o comprare un esfoliante enzimatico o meccanico in tempo, senza ricorrrere al fai da te!

Niente fai da te quando si tratta di brufoli e acne ( o peggiorerai la situazione)

Quanti metodi abbiamo provato per eliminare brufoli e zone estese di acne che non sono serviti a niente se non a peggiorare la situazione? Non provate ad utilizzare il dentifricio per seccare i brufoli, il limone per eliminare le macchie ( è troppo acido per il ph della nostra pelle e potrebbe crearne di nuove) o il tea tree oil puro sulla zona ( con gli olii essenziali non si scherza). Se si tratta di imperfezioni sporadiche esistono tantissimi prodotti che possono risolverle come tonici a base di acido salicidico, spot treatment e detergenti, creme o sieri purificanti. Se la situazione è più estesa, affidatevi ad un dermatologo che saprà prescrivervi la cura giusta per voi.

E voi, avete mai riprodotto una ricetta fai da te ed è andata male?

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti:

I 5 “falsi miti” sulla skincare che non devi ascoltare dalle Influencer

Come riutilizzare i cosmetici che non ci piacciono




Se volete continuare a seguirmi, mi trovate anche su Instagram, sul mio canale Youtube e su Beauty Generations.

A presto!

0 Condivisioni

Potrebbe piacerti...

1 commento

  1. Tea tree puro sulla pelle.
    Risultato?
    Macchia a vita ?
    Da allora ho una paura tremenda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *